TURNI STRESSANTI CONDANNATA AZIENDA AL PAGAMENTO DELL'INDENNITA'

I ricorrenti, tutti in servizio presso il servizio di portineria del P.O. “S. Elia” di Caltanissetta, rappresentati e difesi dall’avv. Gianluca Firrone, adivano il Tribunale di Caltanissetta, in funzione di Giudice del Lavoro, affinché venisse riconosciuto nei loro confronti un’integrazione della retribuzione spettante per aver effettuato attività lavorativa per ben due anni (luglio 2010 – giugno 2012) anche durante giorni destinati per legge al riposo settimanale (festivo o non).

RICORSO EX ART. 696 BIS C.P.C. - INACCOGLIBILITA'

Con ordinanza del 07/03/2016, il Presidente dott.ssa Castro del Tribunale di Catania ha ritenuto che il ricorso ex art. 696 bis c.p.c. sia inaccoglibile ove il "dissenso" tra le parti coinvolga diversi profili dle contendere e non si limiti a questioni risolvibili mediante una CTU. In particolare l'ordinanza ha statuito letteralmente che:

ESTROMISISONE DEL RESPONSABILE CIVILE

Nuovo provvedimento di estromissione del responsabile civile nel processo penale.
Il GUP di Enna, nel solco della giurisprudenza consolidata della Carte di Cassazione e giudici di merito, con Ordinanza del 28/01/2016 ha estromesso il responsabile civile citato, ex art 86 c.p.p..
Il Giudice ha accolto la richiesta della difesa, la quale ha evidenziato il grave ed evidente pregiudizio subito, a seguito degli accertamenti tecnici irripetibili, disposti in sede di indagini preliminari, a cui il responsabile civile non ha partecipato.

RINUNCIA ALL'AZIONE - COMPENSAZIONE DELLE SPESE

Con la sentenza n. 45/2016, depositata in data 26/01/2016, il Tribunale monocratico di Caltanissetta ha ritenuto di compensare le spese del giudizio a fronte della rinuncia all'azione da parte dell'attore.
La rinuncia dell'attore è sopravvenuta solo dopo il deposito della CTU che ha escluso qualsivoglia responsbailità dei convenuti.
Il Giudice ha quindi ritenuto che, proprio la rinuncia all'azione costituisce comportamento processuale idoneo a superare il principio della soccombenza virtuale.
Diversamente sarebbe stato nel caso di rinuncia agli atti.

AUTORIZZAZIONE DEL GIUDICE TUTELARE PER IL RISARCIMENTO DEL DANNO DEL MINORE

Con ordinanza depositata il 17/03/2015, la Prima Sezione Civile del Tribunale di Reggio Calabria ha ritenuto che una procura rilasciata dai genitri di un minore asseritamente danneggiato (nel caso specifico da un errore medico) in favore dell'avvocato procuratore di fiducia costituisca un ATTO DI STRAORDINARIA AMMINITRAZIONE in relazione alla rilevanza del danno asseitamente subito e necessiti quindi di una preventiva autorizzazione del Giudice Tutelare ex art. 320 c.c.. Ciò, a maggiore ragione, quando la procura conferisca al legale anche la facoltà di "transigere e concicliare".

ASSICURAZIONI - RISARCIMENTO DANNI - TERZO TRASPORTATO

SENTENZA DEL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA DEL 02/02/2015 n.69/2015
Inopponibilità delle condizioni di polizza al terzo trasportato, salvo il diritto di rivalsa nei confronti del responsabile .
Si al danno biologico relativi ai postumi di natura pschica.
Inapplicabilità della novella legislativa introdotta con l'art 32 comma 3 ter della legge 27/2012. Fatti antecedenti all'entrata in vigore della legge. Valenza "innovativa" e non meramente "interpretativa" della legge.
Si alla personalizzazione del danno.

CONTRATTI - FORNITURA GAS - INDENNIZZO PER MACANTA FATTURAZIONE

SENTENZA DEL GIUDICE DI PACE DI CALTANISSETTA DEL 19/02/2015 N.76/2015.
Contratto di somministrazione. Violazione dell'obbligo di periodicità di fatturazione della società fornitrice di gas. Inadempimento della clausola contrattuale. Obbligo di pagare l'indennizzo di cui all'art 14 Codice di condotta commerciale approvato con delibera n.126/14 e succ. mod. ed integr. dalla Autorità per l'energia Elettrica e il Gas.
Maggiori oneri derivanti dal ritard ,aliquota IVA al 22% applicata per l'intero periodo, va detratta per gli anni pregressi.

Pagine